lunedì 8 maggio 2017

Recensione: LA GABBIA di Luca Spaziani (RC2017)



Buon pomeriggio, cari lettori!!
Finalmente torno sul blog per condividere con voi qualche recensione!

Partiamo da un romanzo che ci parla di amicizia, di rapporti di coppia naufragati, di vite rinchiuse dentro gabbie apparentemente dorate ma in realtà piene di infelicità e frustrazioni; un romanzo che punta sulla voglia di spiccare il volo alla ricerca di un'esistenza piena e gratificante.


LA GABBIA
di Luca Spaziani



Ed. Porto Seguro
Siamo nell'estate del 2015.
Piero, Vanni e Marcello sono tre cinquantenni fiorentini, benestanti, con una buona vita professionale ma non  conun'altrettanto felice vita coniugale.
Sono amici da una vita e si conoscono benissimo; sono sposati e padri ciascuno di un'unica figlia, e tutti e tre stanno vivendo una fase delicata, di piena crisi esistenziale, convinti di vivere dentro una gabbia costruita da loro stessi che si sta rivelando di giorno in giorno sempre più soffocante.
I tre vorrebbero trovare il coraggio per evadere, per buttarsi alle spalle la loro esistenza grigia e piatta, priva di grosse emozioni, ma da anni il pensiero di lasciar moglie e figlia li trattiene.

Eppure, tra loro ce n'è uno che a un certo punto una decisione la prende: è Marcello, la cui vita insieme alla moglie Enrica è oramai un inferno e da un po' sta trovando consolazione nelle braccia della bella spagnola Marisol.
Un giorno l'uomo spiega ai propri cari amici di volersene andare con l'amante e aprire una gelateria in Grecia; Pietro e Vanni, seppur sorpresi e convinti che questa decisione sia un po' azzardata, non si tirano indietro dall'aiutare l'amico, così gli fanno un prestito di svariati mila euro perchè Marcello possa provare a realizzare il proprio sogno e, almeno lui, provare ad essere felice.

Quando Marcello va via davvero, i due - un paio di settimane dopo la sua partenza - scoprono che, invece della gelateria, Marcello ha comprato una barca a vela per fare il charterista nell'Egeo, insieme alla nuova fiamma. 

Amareggiati e delusi, i due amici decidono di andare alla ricerca di Marcello per chiedergli spiegazioni sulle sue bugie.

Ma il viaggio che intraprendono non è solo fisico - sono diretti a Mykonos - bensì anche metaforico, nel senso che i due si decidono finalmente a guardare anch'essi con più onestà nella propria vita - in particolare nel loro rapporto con le rispettive consorti - e a rendersi conto di come questo loro  accettare passivamente il gelo, l'assenza di complicità, di intimità, di amore, l'indifferenza, le litigate... li stia facendo diventare vuoti, infelici, insoddisfatti.
Ok, forse Marcello si è comportato male con loro e Pietro e Vanni sentono di avere il diritto di ricevere una spiegazione..., ma non sarà che è l'unico dei tre che ha tirato fuori il carattere, decidendo di voltare le spalle a questa vita "formato gabbia" di cui si son sempre lamentati ma nella quale hanno continuato a star chiusi?

I due amici quindi partono a loro volta per la Grecia, ma a Mykonos, a causa dell'incontro con tre donne sconosciute, succedono alcuni fatti, imprevisti e violenti, che li porteranno a riconsiderare le loro vite.

Incontrano infatti Elisa e Mariette, due donne anche loro tristi, in cerca di svago da matrimoni non proprio gioiosi e appaganti (per diverse ragioni), e in special modo Vanni conoscerà un'altra donna misteriosa e affascinante, Aline, che lo travolgerà in una serie di eventi non privi di pericolo...

Pietro e Vanni ritroveranno Marcello e potranno confrontarsi con lui? 
Come ne usciranno da questo viaggio spericolato in Grecia: torneranno a "vivacchiare" ciascuno nella propria gabbia opprimente e incolore, accanto a mogli fredde e accigliate, alla ricerca di momenti eccitanti in compagnia di relazioni extraconiugali occasionali ed effimere... o faranno la scelta di prendere in mano davvero e da protagonisti la propria vita, dicendo basta a un imborghesimento e a un conformismo che li sta uccidendo dentro?

Considerazioni.

In questo romanzo, i tre amici protagonisti hanno un'esistenza che potrebbe avere tutti i requisiti per definirsi appagante, ma in realtà così non è perchè quando in famiglia l'atmosfera è cupa, anche tutto il resto di solito ne risente; sì, il lavoro va bene e la loro grande amicizia è un aiuto enorme perchè i tre si confidano, si raccontano scappatelle, problemi, si consigliano, ma questo non basta, perchè quando si torna a casa i problemi sono sempre lì.
Il matrimonio per i tre si è trasformato negli anni nella famigerata "tomba dell'amore", anzi in quella gabbia stretta, piena di finti stereotipi sulla famiglia felice, di paura di fuggire da un tran tran piatto ma comunque rassicurante - perchè noto e al quale ci si è abituati; è una vita in cui non si rischia, non si riesce a porre fine alla frustrazione e non si prendono decisioni importanti.
Insomma, non si vive davvero.
Marcello diventa per i due un esempio di come, se si vuole,si può evadere dalla prigione in cui ci si è infilati; certo, non è semplice, ma proprio andandogli dietro e prendendo le distanze da obblighi e impegni familiari e lavorativi,  Pietro e Vanni si rederanno conto che la libertà non è solo un miraggio lontano, ma è qualcosa di concreto e realizzabile.
La vita non va imbriglita in catene e corde soffocanti, comprendono i nostri amici, perchè questo a lungo andare genera sterilità, ipocrisie, e si finsce per farsi del male, quindi tanto vale mettere un punto a rapporti finiti già da tempo, prendendosi la responsabilità delle proprie scelte.

L'amicizia - e, con essa, la generosità, il desiderio di vedere l'amico felice - sono valori molto forti in questo libro, e certo non si può dire altrettanto della fedeltà coniugale; i tre uomini hanno le loro personalissime idee sull'amore, il sesso, i rapporti uomo-donna, e anche se durante la lettura mi sono sembrati spesso dei buontemponi un tantino egoisti, maschlisti, fissati per il sesso, è altrettanto vero che essi si lasciano andare a diverse considerazioni e riflessioni non superficiali sulla vita, l'amore, il rapporto con i figli, la libertà.
La storia ha un ritmo che, per la maggior parte della narrazione, è scorrevole e privo di novità o particolare suspense, per poi diventare più dinamico quando ci si sposta in Grecia e in special modo nelle ultime battute, quanto Pietro e Vanni, con le tre donne, vivranno qualche ora all'insegna della spericolatezza e dell'imprevisto.
Lo stile di scrittura è come i tre protagonisti: senza ipocrisia e moralismi, schietto, sfacciato (colorito quando si tratta di sesso) e il risultato è un libro dai toni disinvolti che si lascia apprezzare.





Obiettivo n.33 - Un libro ambientato su un’isola
(Mykonos)

Nessun commento:

Posta un commento

Un buon libro lascia al lettore l'impressione di leggere qualcosa della propria esperienza personale. O. Lagercrantz

Si è verificato un errore nel gadget

Adsense

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...