giovedì 23 marzo 2017

Novità giallo/noir (goWare e Frilli Editori)



Cari lettori, amanti in particolare del noir/giallo, ecco tre novità goWare e Frilli Editori che potrebbero catturare il vostro interesse:

Dopo l’intricata indagine di “ACQUE TORBIDE”, avevamo lasciato l’investigatore Michele Astengo ad osservare dalla finestra del suo ufficio un cinese intento a lavorare su diversi computer contemporaneamente.
Lo ritroviamo in questa nuova indagine a rimuginare su quel cinese che nel palazzo di fronte continua a gestire chissà quali affari dai suoi pc.


ACQUE TORBIDE
di Andrea Novelli e Gianpaolo Zarini



Ed. Frilli Editori
180 pp
10.90 euro
Michele Astengo lavora come investigatore privato a Genova. 
Vive la sua routine con lavoretti non troppo impegnativi, tutti molto noiosi e spesso anche poco pagati. 
A cambiare le cose, ci pensa una vecchia conoscenza, Matteo Barisone, suo amico di infanzia. 
Un armatore, un uomo di successo, che chiede ad Astengo di saldare un vecchio debito, legato alla loro movimentata giovinezza. Barisone gli chiede di recuperare con massima discrezione delle foto compromettenti che lo riguardano. 
l reporter dei VIP Fabrizio Re lo sta ricattando. 
Astengo accetta e ben presto si trova invischiato nel patinato mondo del gossip, tra mondanità e finzione, starlette e agenti senza scrupoli, in una indagine che lo porterà a caro prezzo a fare i conti con un passato che aveva messo solo da parte, ma che non aveva mai dimenticato. Niente è quel che sembra, in questa storia a cui fa da sfondo una Genova abulica, sonnecchiante, che si sveglia ogni giorno con nessuna voglia di fare, proprio come Michele Astengo. 

Gli autori.
Andrea Novelli e Gianpaolo Zarini dopo Acque torbide ritornano con la seconda avventura del detective genovese Michele Astengo. Hanno pubblicato tre romanzi di successo per Marsilio: Soluzione finale – 2005, Per esclusione – 2008 (pubblicato anche ne il Giallo Mondadori) e Il paziente zero – 2011.


NIENTE DI MALE
di Adam Rossi

goWare
2017
pp. 214
Edizione digitale € 4,99
Edizione a stampa € 11,99
Le vite di chi incrociamo o di chi sfioriamo, anche per breve tempo, sono influenzate dalle nostre azioni più di quanto siamo disposti ad ammettere. Possiamo tapparci gli occhi e le orecchie, ma a volte non basta.

Settembre 2014: Lisa è una ragazza giovane, per nulla entusiasta della vita. Vive da sola a Milano, ma soprattutto, “si sente” sola. Novembre 1989: Garibaldi, così lo chiamano, sta svolgendo uno stage a Londra. Solitari e diffidenti, i due creano legami e relazioni con i propri vicini di casa.

Due storie parallele percorrono il nuovo noir di Adam Rossi Niente di male, edito da goWare, e fra un omicidio e altri tragici colpi di scena sveleranno nel finale che cos’hanno in comune.

Molte persone sono sole, in molti modi diversi, ma basta bussare alla porta accanto per cambiare la vita di qualcuno. O la propria.

L'AUTORE
Adam, pseudonimo di Andrea Rossi, nasce a Loano (Savona) il 1° agosto 1977. Ingegnere esperto in networking, il suo percorso professionale l’ha portato a vivere a Milano e in California. La passione per la scrittura è maturata col passare del tempo e Niente di male è il suo secondo romanzo per goWare, dopo l’esordio con Dimmi la verità (2014). Suoi racconti sono stati pubblicati sulla rivista online “Dailystorm”
.


Dal commissariato di piazza del Duomo di Firenze parte una nuova inchiesta. Ne è protagonista il commissario Marco Ristori.

UNA STORIA DISONESTA
di Michele Giocondi



goWare
2017
pp. 216
Edizione digitale € 6,99
Edizione a stampa € 12,99
La cronaca cittadina è sconvolta da un efferato crimine che si è consumato all’interno del mondo della politica, proprio dentro il palazzo della regione, dove è stato rinvenuto il cadavere di un consigliere regionale con il cranio fracassato. 
Il fatto suscita enorme scalpore, sia per le modalità del delitto, che per il personaggio e il contesto in cui è avvenuto. Le indagini ufficiali, gestite in prima persona dai vertici dell’ordine pubblico cittadino, sembrano non approdare a niente, nonostante il dispiego di uomini e mezzi. I
l questore si rivolge allora ufficiosamente al suo commissario preferito, a Marco Ristori, sino ad allora estraneo alle indagini, e gli chiede di collaborare riservatamente. 
Il commissario si mette subito all’opera e piano piano vede emergere un quadro complesso, uno di quelli da mettere veramente in crisi, perché alla fine conduce ad un dilemma drammatico: seguire la legge, che però rischia di generare ulteriore ingiustizia, o agire secondo coscienza?

Ecco uno dei temi che la letteratura ha affrontato innumerevoli volte sin dai tempi più antichi, per lo meno da Sofocle in poi: quando la norma non è in grado di inquadrare una situazione delicata come quella che Ristori si trova davanti, cosa fare? 
Un caso davvero difficile, uno di quelli che non fanno chiudere occhio, e che alla fine Ristori risolverà a modo suo.

L'autore.Michele Giocondi, fiorentino, ha fatto per 40 anni il professore di italiano e storia. È autore di un apprezzato Dizionario di sinonimi e contrari. Con Una storia disonesta riprende il suo percorso narrativo proponendo un avvincente giallo che vede protagonista il commissario Ristori, incontrato per la prima volta nel precedente Un’ombra più bianca del pallido (goWare, 2014).


mercoledì 22 marzo 2017

Novità/Anteprime CentoAutori (marzo-aprile 2017)



Buon pomeriggio, lettori!
Ho diverse novità e anteprime editoriali da presentarvi firmate CentoAutori!


A MARZO IN LIBRERIA

Classici
176 pp
8 euro
UNA GIORNATA 
di Luigi Pirandello

Pubblicata postuma nel 1937, questa antologia contiene 15 racconti, in cui ritroviamo le tematiche care all'autore: l'umorismo, la pietà, il doppio, il paradosso, la follia, la malattia, la vecchiaia; storie che a volte lasciano l'amaro in bocca, altre il sorriso.
Un libro da non perdere, in particolare per quanti amano l'autore siciliano, 
vincitore del Nobel nel 1934.


IL QUINTO ANGELO
di AA.VV.


Roma Febbraio 2013. Perché il Pontefice si è dimesso? Quali trame oscure si celano in realtà dietro questa scelta?
Nella città eterna stanno per fare il loro ingresso esseri misteriosi, aventi una missione segreta da portare a termine, e mentre dal passato una minaccia sta per riemergere, accadranno una serie di eventi che metteranno a rischio il destino dell'intera umanità.


IL MIO NOME E' AVA CINCOTTI
di Elisa Manzini


7,50 euro
152 pp

Melissa, che vive a New York, ha una relazione virtuale con un certo Adam; per metterlo alla prova, crea un alter ego, Eva, e l'uomo ci casca, fino a proporre "una cosa a tre" (lui, Melissa ed Eva). Nello sfogarsi con un'amica, Marie, Melissa scopre che Adam è suo marito; nonostante ne sia ferita, decide di aiutare Marie a ritrovare l'intesa di coppia con il marito.
E se Melissa "prestasse" Eva ad amiche in difficoltà per mettere alla prova i partner?


AD APRILE IN LIBRERIA 


IL CONFINE DELL'OMBRA
di Gianluca Arrighi


208 pp
13 euro

Orco è un feroce serial killer, il cui modus operandi cambia di volta in volta con le diverse vittime; è difficile stanarlo, ma una cosa è certa: vuole che l'indagine su di lui veda coinvolto anche l'ex pubblico ministero Elia Preziosi, che torna in prima linea nella lotta per fermare il diabolico piano di Orco.


JIMMY DELLA COLLINA
di Massimo Carlotto


96 pp
9 euro

Jimmy è un 17enne con poca voglia di lavorare che, dopo aver preso la via del crimine, viene tradito da due amici e finisce in carcere, a Treviso, che metterà a dura prova anche un carattere duro come il suo.
Riesce a farsi trasferire nella comunità "La collina" e lì qualcosa lo porterà a cambiare e costituirà per lui un nuovo inizio.

Da questo romanzo è stato tratto l'omonimo film di Enrico Pau (2006).


UNIVERSI PARALLELI
di Roberto Paura


176 pp
12.80 euro

Negli ultimi 30 anni gli scienziati hanno formulato diverse teorie circa la vita un altri
universi (teoria del multiverso) e queste congetture potrebbero anche spiegare tante stranezze della scienza, dal Big Bang alle bizzarrie della fisica quantistica.
Ma sarà mai possibile riuscire a dimostrare l'esistenza di altri universi lì fuori?

Recensione: CANTO BREVE di Pietro Fronterrè



Il “canto breve” di Pietro Fronterrè ci racconta la storia di un uomo e della sua rinascita dopo un forte dolore che lo aveva reso triste e solo; ci racconta di come la riscoperta dell’amore gli abbia ridonato la gioia di vivere. E anche quando è breve, l’amore vale sempre la pena di essere vissuto pienamente perché è l’unica cosa che dia davvero senso all’esistenza di ogni uomo.


CANTO BREVE
di Pietro Fronterrè



CANTO BREVE
Intrecci Ed.
106 pp
11 euro
2016
“Quel pomeriggio, alla villa, vedendoti, ho subito percepito una forza che mi spingeva verso di te. Hai presente la calamita?
- Ho presente.
- Ecco, mi sentivo così. Non mi era mai successo. Un tormento, sei stato un tormento fino a poco fa. Ora, non voglio più soffrire, e non voglio altro tempo, se non ce n’è stato bisogno per farmi innamorare, non ce n’è nemmeno per iniziare una relazione.
Mi sconvolgono le sue parole, non avrei mai creduto che un sentimento potesse nascere in quel modo, con quella forza e con quella rapidità.
- Hai vinto - ammetto.
- Abbiamo vinto – precisa lei, e di slancio, mi abbraccia…”



Pietro Arezzo è un uomo maturo ed è un affermato e stimato critico dell’arte di fama internazionale; vive da tantissimi anni a Stoccolma ma adesso ha deciso di ritornare nella sua città natale, Pozzallo, un piccolo paese di mare, in Sicilia, dove il caldo è intenso e tutto trasmette gioia e vitalità.
Che poi è ciò di cui Pietro ha bisogno, perché la scomparsa dell’amata moglie Caterina ha generato in lui un vuoto e un’assenza di voglia di vivere che lo sta portando ad essere solo e malinconico.

E il ritorno a Pozzallo, nei primi giorni, segue questa scia di malinconia, così Pietro si perde nei ricordi visitando luoghi d’infanzia, il cimitero dove sono seppelliti i cari nonni, e tra quelle stradine che sanno di antico, di genuino, di tradizione meridionale, l’uomo riscopre che certi sapori, odori, suoni del passato non hanno mai abbandonato la sua mente, anzi li ritrova tutti più nitidi che mai, e questa consapevolezza contribuisce, insieme al sole caldo e forte, a scaldargli un po’ il cuore.

Dopo aver deciso di donare qualcosa di sé (e tra le più importanti c’è di sicuro l’arte) al Comune del paese, ricevendone – senza averlo nè chiesto nè desiderato – elogi e apprezzamenti in pompa magna, mentre è in giro per Pozzallo, il nostro critico d’arte incontra per caso una donna, tanto bella quanto vivace e piacevolmente sfrontata, Donatella.

La donna è un'insegnante di quarant'anni e ama recitare in compagnia dell’amico Nino, facendo ridere gli spettatori; quando i suoi occhi vivacissimi incrociano quelli seri e diffidenti di Pietro, sente che qualcosa lo attira con forza verso di lui.

Entrambi comprendono immediatamente di essere all’opposto caratterialmente: tanto lui è riservato, serioso, compassato e sulle sue, quanto l’altra è piena di vita, solare, con la battuta spiritosa sempre pronta.
Ma si sa, spesso e volentieri, gli opposti si attraggono, anche se solo Donatella sembra decisa a buttarsi a capofitto nella conoscenza del professore; quest’ultimo, invece, non è molto propenso a cominciare alcun tipo di relazione, anzi inizialmente è quasi infastidito dall’atteggiamento un po’ troppo invadente ed esuberante di lei, e cerca di opporre a sua volta un atteggiamento distaccato e un tantino burbero.

Ma Donatella non la frena nessuno quando si mette in testa qualcosa, e per lei Pietro è stato un vero e proprio colpo di fulmine, nonostante la differenza d’età, così travolge letteralmente l’uomo in una conoscenza che sfocerà in un rapporto d’amore bellissimo, fatto di passione e dolcezza.

La vita di Pietro, proprio quando lui non credeva fosse possibile, si riaccende di vita e d’amore; a farlo innamorare di Donatella è la sua gioia di vivere, che sprizza da tutti i pori, il suo essere così diversa dalla prima moglie: Caterina era mansueta, razionale, ordinata, il simbolo di un amore forte, solido e pacato; e lei, l’uragano Donatella, una 40enne desiderosa di dare e ricevere amore, prorompente, spigliata, allegra, bella e affascinante nel suo essere genuina, con le sue smorfie buffe, il suo dialetto siciliano stretto e divertente.
Pietro ne è completamente rapito e si immerge, dopo le iniziali reticenze, a capofitto in questa storia d’amore adulta e consapevole, vinto dall’espansività di questa donna sopraggiunta all’improvviso a dare nuovo vigore e pienezza ad un’esistenza che si stava ingrigendo affettivamente e in cui il lavoro stava per diventare l’unico perno attorno cui girare.


Considerazioni.

“Canto breve” è un romanzo breve ma pieno di sentimento, e agli occhi del lettore si presenta come un quadro colorato, in cui ci sembra di percepire, insieme al protagonista, l’aria frizzante e briosa di questo paese del Sud pieno di vita, in cui la gente – quella che si fa i fatti tuoi con tanta facilità – è la stessa che poi ti accoglie con una calorosa stretta di mano, facendoti sentire a casa come non ti immaginavi potesse accadere.

È un libro che, pur nella sua brevità - grazie all'immediatezza e freschezza del linguaggio, alle battute spigliate tra i due protagonisti -  è un inno all’amore nelle sue diverse sfumature: l’amore per il proprio paese, per le proprie origini; per il proprio lavoro; per le persone care che hanno riempito la nostra vita; l’amore per la vita e, con esso, il desiderio di lasciarsi ancora stupire dal presente vivendolo giorno per giorno, godendo delle piccole e grandi cose che ci vengono donate, perché non sappiamo ciò che il domani può riservarci.

E spesso il futuro si accompagna a nubi grigie e onde in tempesta, proprio quando sembrava che su di noi ci fosse soltanto cielo azzurro e terso, e davanti a noi l’azzurro brillante di un mare calmo e sereno.

Il romanzo di Fronterrè è intriso di gioia come di dolore, di quella dolce malinconia per l’infanzia felice come di quella più struggente per ciò che è stato e che, bruscamente, ci vene tolto, perché è la vita umana ad essere così: tanto bella e degna d’essere vissuta, quanto difficile e dura da affrontare.

Finale commovente e amaro, che però non toglie potenza al vero protagonista: la forza dirompente d quell’uragano che si chiama amore.

Segnalazione: "Più di 100 ricette di pasticceria casalinga" di Cappello di Meringa



Cari lettori, quella di oggi non è la segnalazione di un romanzo bensì di un libro di ricette di pasticceria!!
E per me che son golosa, si va a nozze perchè sono sempre alla ricerca di ricette di dolci!


Più di 100 ricette di pasticceria casalinga
di Cappello di Meringa



Genere: manuale / cucina
Editore: Youcanprint self-publishing
Anno di pubblicazione. 2016
Formati e prezzi: ebook (pdf) a 1,99 euro
cartaceo a 15 euro
Incipit: Tutti gli chef portano in testa un cappello che sembra una nuvola bianca, io ho un cappello che sembra una meringa.

Link per l'acquisto: 


Amazon      IBS     Mondadori


Sinossi

Se sei alle prese con zucchero e farina e hai voglia di creare qualcosa di bello e di buono, ma non hai mai seguito un corso di pasticceria e non puoi spendere soldi in utensili professionali, questo libro fa per te! 
Il ricettario comprende dessert di frutta, coppe gelato, semifreddi e dolci al cucchiaio, torte e tortini, dolci tradizionali per le feste, panini dolci e focacce, pasticcini e merende, biscotti. 
Le ricette sono semplici e gli ingredienti sono di uso comune! Prova!

Biografia dell'autrice: sono nata e vivo tuttora nelle campagne venete, appena ho un po' di tempo libero lo passo tutto a leggere libri o a pasticciare in cucina (e poi a dare in giro i miei dolcetti). La mia prima volta ai fornelli è stata alle elementari quando i miei genitori mi hanno insegnato a preparar loro il caffè. Dopo anni a far uscire dal forno torte e pasticcini... alla fine ne è uscito pure un libro! Ah, dimenticavo... vado matta per il cioccolato e il mascarpone.

Si tratta di un quaderno di ricette dolci dal sapore di casa, infarcito con un po' di curiosità su ingredienti e procedimenti, consigli pratici da "pasticcera fai-da-te" e anche qualche aneddoto personale. Trattandosi di ricette di pasticceria "da casa" lo stile è semplice, per le preparazioni non c'è bisogno di avere una gran manualità e non servono attrezzature professionali; inoltre gli ingredienti sono di facile reperibilità. E' utile per tutte quelle persone che vogliono preparare da sé colazioni, merende e torte di compleanno per loro stessi, per la famiglia e per gli amici. 
Per tutelare il nostro habitat il libro è stampato completamente su carta certificata FSC, cioè una carta prodotta in modo eco-sostenibile e definita da Greenpeace amica delle foreste.

martedì 21 marzo 2017

Anteprima Mondadori Electa Young: I CAVALIERI CIGNO di Erin Bow (aprile 2017)



Dopo il successo di Il dominio dello scorpione, Mondadori Electa ne pubblica il seguito: I Cavalieri Cigno.


I CAVALIERI CIGNO
di Erin Bow


editore Mondadori Electa 
collana Electa Young
età dai 15 anni
pagine 336 
19,90 €
in libreria aprile 2017
Greta Stuart ha sempre saputo quale sarebbe stato il suo destino: morire giovane. Principessa ereditaria della sua patria ma anche ostaggio destinato a essere la prima vittima di una guerra inevitabile. Ma quando la guerra, alla fine, arriva, è un conflitto che spezza tutte le regole, nel quale Greta forgia per se stessa una strada molto diversa. 
Non più principessa, non più ostaggio, nemmeno più umana: Greta Stuart è diventata una IA, Intelligenza Artificiale. Se sarà in grado di sopravvivere alla transizione, Greta conquisterà il suo posto al fianco di Talis, l’onnipotente IA che domina il mondo. Talis crede fortemente nel mantenimento della pace attraverso l’uso di armamenti estremi. 
Se però i problemi si fanno troppo personali, a risolverli sono chiamati i Cavalieri Cigno, un ristretto gruppo di umani, parte esercito e parte culto, al servizio delle Intelligenze Artificiali.

Così sono due i Cavalieri Cigno a scortare Greta e Talis attraverso i paesaggi post-apocalittici del Saskatchewan. 
Ma il fato di Greta ha sprofondato il suo regno in un’aperta insurrezione e quella grande prateria di erba disseccata può celare ribelli decisi a salvarla... o forse a ucciderla. 
Tra loro Elián Palnik, il ragazzo che Greta ha salvato, ma anche il ragazzo che vuole cambiare il mondo: con una lama in pugno, se necessario. 
E, forse, perfino i duramente leali Cavalieri Cigno potrebbero non essere tutto quello che sembrano.
Il destino di Greta, e il destino del mondo, sono in bilico sul filo di una lama.

L'autrice.

Erin Bow è l’autrice de Il dominio dello scorpione, opera che ha ricevuto eccezionali riscontri, oltre a essere stata eletta Miglior Libro dell’Anno secondo il “Kirkus Reviews”. Altre sue opere sono Plain Kate, celebrato fantasy di ispirazione russa, Miglior Libro dell’Anno per la YALSA, e Sorrow’s Knot, terrificante storia di fantasmi Young Adult, accolto con recensioni a cinque stelle e, di nuovo, Miglior Libro dell’Anno per il “Kirkus Reviews”
.

Recensione: LA STRADA DELLA FOLLIA di Nicola Ronchi



Un uomo tormentato dai fantasmi del passato, che trascina il proprio presente nell'apatia e nella solitudine, e davanti al quale non sembra profilarsi alcun futuro. Un thriller psicologico appassionante ricco di suspense e colpi di scena.


LA STRADA DELLA FOLLIA
di Nicola Ronchi


"Staccarsi dal passato e vivere nel presente: è davvero possibile separare le due cose? Il presente non è altro che il risultato di eventi accaduti e non può essere compreso e vissuto consapevolmente se non si riesce a capire il passato stesso."

Roberto Ventura è un uomo di 45 anni solitario e introvero, la cui vita sembra essersi fermata in un giorno di maggio del 1984, quando l'esistenza sua e della sua famiglia ha dovuto affrontare una terribile tragedia: un giorno, lui, sua sorella maggiore Clara e il fratellino di otto anni, Matteo, erano nel bosco e i due fratelli giocavano col pallone, che andò a finire nel lago; al piccolo Matteo, Roberto ordinò di andare a riprenderlo ma da quelle gelide acque il fratello non ne uscì più vivo.

In Roberto scattano pesanti sensi di colpa: avrebbe potuto evitare la morte di Matteo? Lui che aveva 16 anni avrebbe dovuto proteggere il bambino e fare qualsiasi cosa per salvarlo, e invece è accaduta la tragedia, dalla quale Roberto non si è mai ripreso, tanto più che ha da subito sentito su di sè gli sguardi di disapprovazione e giudizio degli afflitti genitori, per aver perso il loro piccolo (capriccioso e viziato...) Matteo, e le parole di condanna della sorella Clara, che da quel giorno, dopo essersi ritrovata davanti al dramma avvenuto in pochi minuti, non ha smesso di accusare Roberto della disgrazia, preferendo tagliare i ponti con lui e maturando dentro di sè sentimenti di disprezzo e rancore.

La famiglia Ventura non è stata più la stessa, da allora, e tantomeno Roberto, che nonostante gli anni passati in analisi, non ha superato il trauma.

Trent'anni dopo vive da solo, ad Asteria, lavora in una casa editrice, sa far bene il proprio lavoro ma a risentirne è la sfera relazionale: taciturno, con comportamenti tendenti alla depressione, incapace di affrontare una conversazione o di allacciare anche solo un rapporto di minima complicità con chiunque in ufficio (si limita a rispondere a monosillabi e ad allontanarsi dagli altri appena gli è possibile), dimesso negli atteggiamenti...: è facile per i colleghi giungere alla conclusione che non abbia tutte le rotelle a posto, e quindi cercare anche di metterlo in cattiva luce davanti al capo perchè se ne liberi in quanto "elemento di disturbo".
Ed infatti, Roberto perde il lavoro, dopo aver perso anche la fidanzata, Pamela, che l'ha mollato proprio perchè snervata dalla sua apatia, dall'assenza di vitalità, insomma dal suo modo di "non-vivere", da cui lui non sembra voler uscire.

Roberto è quindi senza una donna, senza un lavoro, senza prospettive, e si trascina dentro casa come uno zombie, senza mangiare e senza avere nulla per cui valga la pena vivere. 

Ad alimentare la crescente depressione ci si mettono due fattori.
Un giorno, al parco, incontra sua sorella Clara, dopo tanti anni che i due non si vedevano; l'incontro è devastante per Roberto, che resta sconvolto nel rendersi conto che, dopo tanti anni, la sorella non ha mai smesso di ritenerlo responsabile della morte di Matteo.
Clara, dal canto suo, è una raffinata e matura donna, sposata con un uomo ricco, hanno un figlioletto (che è stato chiamato Matteo...) e vivono nell'agiatezza. Ma anche per lei quella tragedia ha tracciato solchi di dolore incolmabili. Rivedere Roberto le riapre una ferita mai chiusa...

Oltre a questo incontro, Roberto si rende conto di essere seguito da due figure misteriose, una ragazza con la felpa e un bambino, che compaiono spesso davanti ai suoi occhi per poi sparire qualche secondo dopo. Realtà o immaginazione? Esistono davvero o sono frutto della sua mente, che gli gioca questi brutti scherzi quando lui smette di prendere le sue pillole?

A portare una ventata di serenità è però un altro incontro, decisamente più gradito: al parco Roberto rivede, anche lui dopo tanti anni, un vecchio amico d'infanzia: Sebastiano - detto Seb -, un tipo bonaccione, timido, imbranato, balbuziente dall'aria ingenua e infantile.
Non solo, ma a questo si aggiunge un altro ritorno dal passato: il loro amico comune Lars Kollmen, uno svedese biondo e sicuro di sè con cui, da adolescente, Roberto ha avuto qualche scaramuccia, frutto di due caratteri decisamente opposti: lì dove Roberto è schivo, impacciato, indeciso, l'altro è arrogante, pieno di sè, sfacciato e sempre pronto a vestire i panni del leader.

Ed infatti, Lars si fa spazio nella vita - e, in un certo senso, anche nella mente - di un già confuso Roberto e, insieme al tranquillo Seb, che li segue docilmente come un segugio, danno il via ad una serie di eventi che, se da un lato offriranno al nostro protagonista una prospettiva più ottimista e una positiva spinta emotiva con cui guardare al presente e al futuro, dall'altra lo introduranno in un incubo ancora più terribile di quello che Roberto si porta dietro da trent'anni.

Lars da subito riesce, col suo modo di parlare per aforismi e proverbi saggi, con il suo ghigno malefico che però nasconde un che di suadente, con la sua sicurezza folle e lucida insieme, a manipolare i due amici, e se con Seb è facile perchè è un bambinone credulone, con Roberto è una battaglia verbale continua, perchè quest'ultimo avverte che in Lars c'è qualcosa di pericoloso, ma allo stesso tempo ne è affascinato perchè quella spavalderia con cui affronta ogni problema vorrebbe averla lui.
Certo, è inquientante come l'uomo sembri conoscere di lui cose che solo Roberto sa. Chi è davvero Lars e come fa ad anticipare ogni sua mossa e pensiero? 

Roberto, preso dal desiderio di dare una svolta alla propria vita grigia e vuota, si farà trascinare da eventi assurdi e diventerà complice di azioni orribili che mai avrebbe immaginato di compiere.
Proprio lui che è sempre stato un uomo tranquillo, pacifico, incapace di ammazzare una mosca, scoprirà di avere dentro di sè una natura cattiva, spietata.., che da un lato lo spaventa dall'altro asseconda.
Riuscirà a tornare in se stesso e a fermare la catena di tragici eventi di cui, insieme ai suoi strani amici, è diventato inconsapevole protagonista?

Considerazioni.

"La strada della follia" è un thriller davvero avvincente, dal ritmo trascinante, che capitolo dopo capitolo tiene incollato il lettore sulle vicende che coinvolgono il protagonista, che sembra farsi travolgere da fatti più grandi di lui senza trovare la forza di ribellarsi, ma anzi infilandosi in un tunnel sempre più buio.

L'aspetto psicologico fa da padrone, tra queste pagine, e l'attenzione di chi legge si catalizza tutta sulla personalità di Roberto, che comprendiamo essere chiaramente complessa e problematica, e l'Autore è bravissimo a farci vivere i suoi stessi dubbi, ad es., sulla ragazza e il ragazzino che appaiono e scompaiono (sono reali o allucinazioni visive, conseguenza di eventuali disturbi psichiatrici di Roberto?), sul personaggio di Lars: chi è in realtà e come fa ad influenzare e guidare le azioni di Roberto tanto facilmente?

Entriamo nella mente del protagonista, conoscendone tutti i pensieri, gli stati d'animo, le incertezze, le paure, le poche speranze, e arriviamo alla fine col fiato sospeso, e proprio quando comprendiamo che il viaggio verso la follia ormai intrapreso da questo improbabile trio di amici sta per giungere drammaticamente a termine, accade l'imprevedibile colpo di scena e le carte vengono svelate, con sommo stupore del lettore; anzi, ad essere precisa - senza voler svelar nulla, ci mancherebbe - il colpo di scena è doppio e anche le primissime pagine del romanzo - che inizialmente sembrano "messe lì" senza un'apparente ragione e collegamento col resto della storia - vengono chiarite.


In questo thriller psicologico dinamico, in cui tutto si sussegue con un ritmo incalzante e le scene ci passano davanti come quelle di un film ad alta tensione, realtà e immaginazione si confondono e i confini non sono sempre individuabili con facilità, ma il bello è proprio questo: avvenimenti e personaggi assumono di volta in volta caratteri inquietanti, incomprensibili, quasi surreali, i contorni della verità si fanno sempre più sfumati e questa sensazione di "incertezza diffusa" diventa lo specchio esatto di ciò che accade, nello specifico, nella testa del protagonista, e in generale, nella mente umana la cui complessità non finisce di stupirci e affascinarci.


Un thriller da divorare dalla prima all'ultima pagina in quanto scritto in modo eccellente con una trama e dei pesonaggi accattivanti, oltre che ben costruiti.

lunedì 20 marzo 2017

Epigrafe - "L'incantesimo delle civette"



Epigrafe riportata da Amedeo La Mattina nel suo romanzo "L'incantesimo delle civette" (la recensione è sul blog):


"C'era una volta, disse la voce dall'acqua.
Non andare oltre, disse l'eco.
Ella suona la campana per te, nel mare.
Io sono l'eco e la civetta, tu non tornerai più."

Dylan Thomas, Una veduta del mare


Risultati immagini per epigrafe chicchi pensieri
Il significato del termine epigrafe al quale mi rifaccio è quello dato dalla Treccani.it
"Iscrizione in fronte a un libro o scritto qualsiasi, per dedica o ricordo; più particolarm.,
citazione di un passo d’autore o di opera illustre che si pone in testa
a uno scritto per confermare con parole autorevoli quanto si sta per dire
Si è verificato un errore nel gadget

Adsense

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...