sabato 20 aprile 2013

Recensione "Lady Susan" di Jane Austen



Buon sabato amici!!!!

Lettura veloce di un classico piccolo ma piacevole, scritto dalla mano della grande Jane Austen.
E già che ci siamo lo faccio rientrare nella sfida UN CLASSICO AL MESE, cui partecipo in questo 2013.

Ed. Newton Compton
Collana live
128 pp
0.99 euro
2013
LADY SUSAN
di Jane Austen


Sinossi

Lady Susan è una donna energica, intelligente, senza scrupoli, che si diverte a giocare con i sentimenti degli uomini.
La città di provincia, le chiacchiere dei salotti, le ferree regole dell’universo piccolo-borghese: in questa breve opera gli ingredienti per entrare nello straordinario mondo della Austen ci sono tutti. L’autrice inglese ha saputo dipingere il suo tempo con grazia ed eleganza, ma ne ha lasciato accuratamente emergere, con le stesse armi tipiche di quei salotti (arguzia, bon ton, ironia), gli aspetti più retrogradi, rivelandosi donna di spirito e femminista ante litteram.







il mio pensiero
"Lady Susan" è una novella scritta in forma epistolare in cui domina il personaggio di una donna dalla personalità assolutamente forte, determinata e carismatica.

Lady Susan è una donna non più giovanissima, vedova e con una figlia adolescente, Fredrerica; la sua reputazione non è delle migliori, in quanto chi la conosce immancabilmente sa anche che donna calcolatrice sia, quanto le piaccia la vita mondana, essere accerchiata dagli uomini e da loro corteggiata, adulata; non importa che siano scapoli o impegnati, ciò che conta per Lady Susan Vernon è che lei sia al centro delle attenzioni di tutti.
La sua filosofia di vita sembra aderire al proverbio "Nel bene o nel male, purchè se ne parli!", ed è così che porta avanti la propria vita e i propri desideri.
Dopo aver amoreggiato a Langford con un uomo sposato, il Signor Manwaring, Lady Susan si prepara a colpire ancora; decide di farsi accogliere in casa, per un breve soggiorno, dai cognati, Mr e Mrs Vernon (fratello del marito di Susan, e la moglie Catherine), confinando la figlia in collegio.
Anche in casa della cognata, al cui orecchio son giunte le voci in merito alla condotta discutibile dell'ospite poco gradito (condotta tutt'altro che irreprensibile, sia quando il marito era vivo, che dopo la morte), Lady Susan non manca di tirar fuori le sue abili arti di seduzione e manipolazione del prossimo, in particolare all'indirizzo del fratello di Catherine, il giovane Reginald.
A disturbare i propositi poco chiari di Susan - sempre in cerca di situazioni favorevoli che migliorino la sua condizione di vedova - ci pensano la cognata sospettosa e la figlia Frederica.
A quest'ultima mamma Susan, con freddezza e cinismo che poco onore fanno al suo ruolo di genitrice, vuole imporre un matrimonio di convenienza, con un uomo sciocco e arrogante, che non piace nè alla figlia ed in verità neanche alla mamma che, intelligente e scaltra com'è, disprezza chiunque mostri qualsiasi forma di debolezza.
Ma poco importa dei sentimenti, ciò che vale è levarsi di torno questa figlia timida e stupidina e dedicarsi a se stessa e ai piaceri della vita.


Riuscirà Lady Susan a realizzare i propri progetti per sistemarsi come desidera, a dispetto dei pregiudizi e delle critiche della società dabbene, che sparla e sparla ma l'accoglie tra sorrisi e affettazioni ipocrite, soggiogata e affascinata dal suo carisma, dai suoi modi gentili e dalla sua avvenenza?

Tra lettere dal tono apprensivo di una madre verso la figlia, lettere aspre e ciniche tra amiche che pensano solo ai propri interessi, tra innamoramenti facili e matrimoni veloci, il lettore si farà un'idea chiara della protagonista di questo breve scritto che la Austen ci ha lasciato e che ci mostra, con un pizzico di ironia e attraverso un personaggio femminile sfrontato e audace, la tipica società inglese a lei contemporanea, in cui vigevano determinate regole di bon ton, i pregiudizi  e i pettegolezzi tipici della classe piccolo-borghese.
Ma ciò che colpisce è proprio la protagonista, forte e decisa come ci aspetteremmo più da una donna di oggi che "di allora".
Se dovessi valutare Lady Susan dal punto di vista etico-morale, non potrebbe mai piacermi: non approverei di lei la sua condotta frivola e irrispettosa verso il proprio marito e verso le donne con i cui mariti ella flirta spudoratamente (anche se qui c'è da dire che questo stessi mariti "farfalloni" hanno altrettanta responsabilità, se fanno i cascamorti con una donna diversa dalla consorte...!); non mi piace l'educazione, anzi la non-educazione impartita alla figlia adolescente e la sua insensibilità verso i desideri e i sentimenti della stessa; non approverei la facilità con cui parla di sposarsi con un uomo o con un altro, senza differenza, basta che sia un buon partito..
Insomma, Lady Susan non è che sia un personaggio femminile da imitare, ma tutte queste considerazioni seriose vanno a sbattere contro la simpatia e il sorriso che inevitabilmente la protagonista riesce a strappare al lettore; grazie alla penna elegante e arguta di Jane Austen, Lady Susan può permettersi di far breccia nel cuore di chi legge perchè se c'è una sua caratteristica che colpisce e fa scattare l'ammirazione divertita è la sfacciataggine, la spontanea sfrontatezza che guida le sue azioni; Lady Susan sa cosa la gente pensa di lei ma continua con i suoi propositi costi quel che costi, con un narcisismo e una sicurezza di sè che, ripeto, fanno sorridere e ce la fanno apparire un'eroina davvero particolare e sui generis della letteratura a cavallo tra '700 e 800.

partecipo alla sfida
con questo classico

2 commenti:

  1. Ciao Angela, ho letto questo romanzo qualche tempo fa e nella stessa edizione: Lady Susan è un personaggio particolare, non è eticamente corretta ma non riesce a non conquistare il lettore!

    RispondiElimina
  2. sono d'accordo, ariel, susan è un personaggio moralmente discutibile eppure ha il suo "fascino" ;)

    RispondiElimina

Un buon libro lascia al lettore l'impressione di leggere qualcosa della propria esperienza personale. O. Lagercrantz

Si è verificato un errore nel gadget

Adsense

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...